Rapporto sui prezzi dell’oro al 20 novembre 2018
1g. 34.12 EUR
1oz. 1061.00 EUR
Prezzo di EURO per kg
Gold Fixing

NOTIZIE


Rapporto sui prezzi dell’oro al 20 novembre 2018
Global InterGold

 

Nei prossimi anni, la crescita dell'economia indiana servirà come fattore di supporto per il costo dell'oro, assicurano gli esperti del Fondo Monetario Internazionale (FMI).

L'economia dell'Asia meridionale mostra la migliore crescita tra le potenze mondiali, rappresentando il 7,3%, secondo i dati, per l'attuale periodo del 2018. Questo tasso è aumentato del 2,6% rispetto ad altri paesi in via di sviluppo.

Secondo il Fondo monetario internazionale, la situazione economica in India sta migliorando ogni anno e, nel lungo termine, stabilizzerà il mercato mondiale dell'oro.

Nel 2017, il numero di miliardari indiani è aumentato a 119 persone, il loro patrimonio netto combinato è aumentato del 35%. Gli esperti stimano il valore delle riserve auree del paese a 14 miliardi di dollari.

La crescita in dollari dei milionari in India dal 2012 al 2017.

 

Lunedì 12 novembre un'oncia d'oro costava 1200 dollari.

Dopo le elezioni parlamentari negli Stati Uniti, il mercato azionario americano ha mostrato segnali di crescita. Di conseguenza, questa situazione mette pressione sul metallo giallo, rispetto ai dati della scorsa settimana, e il prezzo dell'oro è leggermente diminuito. Tuttavia, è improbabile che questa situazione duri a lungo, in quanto lo stock di crescita sarà a breve termine, assicurando gli investitori americani.

I rappresentanti del Partito Democratico degli Stati Uniti sono certi che la politica economica di Donald Trump porterà a un ulteriore deterioramento delle relazioni commerciali con la RPC, influenzando negativamente il mercato azionario statunitense. L'economia degli Stati Uniti potrebbe essere a rischio, e si ritiene che la sua crescita dovrebbe rallentare considerevolmente.

 

Martedì 13 novembre, un'oncia d'oro costa 1202 dollari.

Il CEO della società mineraria canadese Broadway Gold Mining, Thomas Smeenk, vede un grande potenziale per i prezzi dell'oro. Secondo l'esperto, il deficit porterà inevitabilmente a un aumento dell'inflazione, che inciderà sul costo delle materie prime. "La forza del dollaro USA è insostenibile", osserva Smeenk.

"Il governo degli Stati Uniti può continuare il suo gioco di stampa della moneta legale per un po', ma a un certo punto ci sarà uno shock per il sistema e gli investitori si rivolgeranno all'oro come bene rifugio, sicuro anche nel bel mezzo di crisi economiche. "

Thomas Smeenk ha osservato che le società di estrazione dell'oro continuano a lavorare con successo anche in condizioni di rafforzamento del dollaro USA e, a lungo termine, l'oro dimostrerebbe una crescita significativa.

"C'è troppa incertezza nell'economia globale, quindi il metallo prezioso dovrebbe diventare la parte principale del portafoglio di investimenti", afferma Smeenk.

 

Mercoledì 14 novembre, l'oro costava 1211 dollari l'oncia.

Il governo svizzero ha espresso il desiderio di rendere il mercato dell'oro locale più trasparente per gli investitori.

Nello stato alpino, un centinaio di tonnellate di oro da altri luoghi vengono riciclati ogni anno. I politici svizzeri ritengono necessario aumentare il controllo sull'industria dell'oro per tracciare l'origine dell'oro importato.

Secondo le statistiche ufficiali del servizio doganale, nell'ottobre 2018 sono state importate 223 tonnellate di oro in Svizzera, mentre ne sono state esportate solo 118. Secondo i dati per il 2017, nel paese sono state importate 2400 tonnellate di oro per un valore di oltre 69 milioni di dollari, mentre l'export ammontava a 1680 tonnellate, per un valore di 66,8 milioni di dollari.

 

Giovedì 15 novembre, l'oro ha rinforzato la sua posizione, raggiungendo il livello di 1213 dollari l'oncia.

L'indebolimento della valuta nazionale e le più severe sanzioni imposte dagli Stati Uniti spingono i cittadini iraniani a comprare attivamente oro per proteggere i loro risparmi personali.

Le barre e le monete d'oro sono tra le più richieste tra i residenti del paese. A differenza dei gioielli, non sono soggetti a IVA.

A partire da ottobre 2018, si osservano tendenze positive sul mercato dell'oro iraniano. Rispetto agli indicatori del secondo trimestre di quest'anno, la crescita delle vendite di prodotti in oro in Iran è stata del 28%, nel terzo trimestre. Nello stato del medio oriente, la domanda di lingotti d'oro ha raggiunto il suo massimo storico negli ultimi cinque anni.

Venerdì 16 novembre, l'oro ha mantenuto una tendenza al rialzo. Un'oncia d'oro costava 1221 dollari.

Gli esperti della banca americana Wells Fargo sottolineano che gli investitori non smettono di mostrare interesse nell'oro come risorsa sicura per aumentare il proprio capitale. Secondo gli analisti, sullo sfondo di un dollaro USA in calo, possiamo aspettarci un aumento del prezzo dell'oro.

 

Lunedì 19 novembre, il costo di un'oncia d'oro era di 1224 dollari.

 

L'oro è lo strumento migliore per salvare e accumulare il vostro capitale.

Gestite una redditizia attività nell’oro con Global InterGold: gli esperti in Sicurezza Finanziaria.

 

Qualifica questo articolo
Pubblicato: 20.11.2018
Lascia un commento






Inviare
NOTIZIE CORRELATE
Global InterGold
I nostri esperti aiuteranno a sapaerne di più sul'oro
SOTTOSCRIVE
Global InterGold
Ogni martedì prepariamo analisi e previsioni del mercato dell'oro.

Non dimenticare di controllare la tua posta!