IT
GIG-OS

La riserva d'oro: l'ultima speranza nella lotta alle crisi

Global InterGold

 

Il World Gold Council ha fornito dati sugli acquisti del metallo giallo da parte di vari stati e sulle loro riserve auree. La Russia, la Cina, l'Ecuador, la Turchia e l'India accumulano costantemente oro nelle loro riserve di metalli preziosi.

Ma alcuni altri paesi non possono vantare una crescita impressionante delle riserve auree, stabilendo così una sorta di anti-record.

 

Paesi "non d'oro"

Gli stati con modeste riserve auree, secondo il World Gold Council, per la prima metà del 2019, includono, ad esempio:

  • Guinea - 1,5 tonnellate;
  • Albania - 2,07 tonnellate;
  • Yemen - 1,56 tonnellate;
  • Haiti - 1,81 tonnellate;
  • Trinidad e Tobago - 1,94 tonnellate.

Tre paesi di questa lista – Guinea, Yemen e Haiti – sono tra i paesi più poveri del mondo, con un'economia sottosviluppata e un alto livello di povertà.

 

Un lingotto per l'intero paese

La Banca Centrale dell'Estonia ha rivelato il segreto dell'oro nella sua volta: c'è solo un lingotto di metallo prezioso!

Informazioni geografiche: l'Estonia è un piccolo paese del Nord Europa, situato sulla costa orientale del Mar Baltico. La Repubblica di Estonia è un membro dell'Unione europea e partecipa all'accordo di Schengen.

È noto che il lingotto d'oro è stato prodotto 97 anni fa e il suo peso è di 11 chilogrammi. È considerato equivalente agli oggetti esposti nei musei in quanto la purezza del metallo non corrisponde agli standard adottati dal mercato finanziario.

Secondo Fabio Filipozzi, rappresentante della Banca Centrale dell'Estonia, il valore dell'invendibile lingotto ammonta a 500 mila dollari.

La riserva d'oro dell'Estonia è di soli 248,82 chilogrammi, e viene stoccata fuori dal paese, a New York.

 

Il Venezuela sta perdendo il metallo giallo

Il paese è in profonda crisi ormai da molti anni. Cercando di evitare il crollo totale, il Venezuela ha espresso il desiderio di restituire la parte della sua riserva aurea depositata presso la Banca d'Inghilterra. Il rifiuto dei banchieri britannici di restituire la preziosa riserva ha privato il tesoro dello stato latinoamericano di 1,2 miliardi di dollari.

Per mantenere a galla l'economia e garantire l'afflusso di valuta estera al bilancio del paese, le autorità hanno iniziato a vendere l'oro immagazzinato all'interno del paese. Nella prima metà del 2019, la Repubblica Bolivariana del Venezuela ha venduto 30 tonnellate di metallo giallo.

La riserva di metalli preziosi del Venezuela ammonta a 161 tonnellate d'oro.

Il grafico mostra un forte calo della riserva aurea del paese in un periodo di cinque anni.

 

La strategia corretta

L'economia globale è piuttosto instabile. I governi dei paesi sviluppati sono consapevoli dei crescenti rischi finanziari e seguono una strategia sensata: aumentano le riserve di metalli preziosi per superare in sicurezza i momenti difficili.

Aumentando le riserve di metallo giallo, le principali potenze mondiali rafforzano le loro posizioni sulla scena internazionale e accumulano riserve patrimoniali che non saranno svalutate anche quando la crisi colpirà.

Per la prima volta in sei anni, il record di acquisti d'oro è stato infranto!

Nel primo trimestre del 2019, le banche centrali dei paesi di tutto il mondo hanno acquistato 145,5 tonnellate di metallo prezioso. Si tratta di un aumento del 68% rispetto all'indicatore dello scorso anno, e si tratta del valore più elevato in sei anni.

Il grafico del World Gold Council mostra gli acquisti delle banche centrali dal primo trimestre del 2013 al primo trimestre del 2019.

L'oro è il principale garante del benessere di ogni paese.

L'oro sta aumentando di prezzo, confermandosi come uno dei beni più ricercati al mondo.

Il prezzo dell'oro per oncia al 16 settembre 2019 è di 1503 dollari.

Il prezioso bene rimane una "ancora di salvezza" in caso di collasso economico.

 

Brexit sta arrivando: l'oro salverà la Gran Bretagna?

 

Rate this article:
Created: 16.09.2019
NOTIZIE CORRELATE